Eugenio Siragusa forum

Facebook

Eugenio Siragusa forum

Eugenio Siragusa forum


    IL Papa: non private i vostri popoli della speranza e L'IMMORALITA' POLITICA

    Condividi
    avatar
    Filippo Bongiovanni
    Amministratore
    Amministratore

    Messaggi : 114
    Data d'iscrizione : 08.07.11
    Età : 58
    Località : Floridia

    IL Papa: non private i vostri popoli della speranza e L'IMMORALITA' POLITICA

    Messaggio  Filippo Bongiovanni il Ven Dic 02, 2011 3:42 pm

    Mi scuso con i miei amici studiosi di Termoli, Vittorio e Teodoro che rispettivamente in alcune riprese mi avevano sottoposto alcune Loro preoccupazioni su dichiarazioni e fatti accaduti come potevano e devono essere interpretati...e che risposte ci potevano essere...

    http://www.tg3.rai.it/dl/tg3/Page-2e4c8408-c4ee-4eb3-abdb-86b4cc525b57.html
    Dal Min:13,55 al Min:15,28
    IL Papa ai responsabili del mondo:non private i vostri popoli della speranza

    https://www.youtube.com/watch?v=izUX0yPWt6s&feature=share
    Benedetto XVI parla di nuovo ordine mondiale - NWO

    Mi scuso Santità,NUOVO ORDINE MONDIALE,ed EQUITA'...!? Ingannando e con falsità..!!? Consegnando l'umanità a degli ASSASSINI DELLA VITA..!??
    Mi scuso Santità, ma la speranza è l'ultima a morire...!!?? Non sono un predicatore o un fanatico religioso, ma un fervente credente Cristiano che sta aspettando che si manifesti LA POTENZA DIO ATTRAVERSO SUO FIGLIO... E' stato detto e scritto...

    Vangelo secondo Luca
    Luca - Capitolo 16
    13]Nessun servo può servire a due padroni: o odierà l'uno e amerà l'altro oppure si affezionerà all'uno e disprezzerà l'altro. “Non potete servire a Dio e a mammona».
     
    Il libro della Lettera di Giacomo nella sacra bibbia da capitolo 1 a capitolo 5.
    Giacomo - Capitolo 4
    Avvertimento ai ricchi
    [13]E ora a voi, che dite: «Oggi o domani andremo nella tal città e vi passeremo un anno e faremo affari e guadagni», [14]mentre non sapete cosa sarà domani! Ma che è mai la vostra vita? Siete come vapore che appare per un istante e poi scompare. [15]Dovreste dire invece: Se il Signore vorrà, vivremo e faremo questo o quello. [16]Ora invece vi vantate nella vostra arroganza; ogni vanto di questo genere è iniquo. [17]Chi dunque sa fare il bene e non lo compie, commette peccato.
    Giacomo - Capitolo 5 [1]
    E ora a voi, ricchi: piangete e gridate per le sciagure che vi sovrastano! [2]Le vostre ricchezze sono imputridite, [3]le vostre vesti sono state divorate dalle tarme; il vostro oro e il vostro argento sono consumati dalla ruggine, la loro ruggine si leverà a testimonianza contro di voi e divorerà le vostre carni come un fuoco. Avete accumulato tesori per gli ultimi giorni! [4]Ecco, il salario da voi defraudato ai lavoratori che hanno mietuto le vostre terre grida; e le proteste dei mietitori sono giunte alle orecchie del Signore degli eserciti. [5]Avete gozzovigliato sulla terra e vi siete saziati di piaceri, vi siete ingrassati per il giorno della strage. [6]Avete condannato e ucciso il giusto ed egli non può opporre resistenza.

    A COSA SERVE L'ONU ?
    Ho scritto il 15 Agosto 1987 :

    L'ONU, ne abbiamo già parlato. Una macrocosmica struttura politica mondiale incapace di funzionare. A che serve l'ONU ? Se è privo del potere di far rispettare i diritti fondamentali della vita dei popoli, della pace e della giustizia. A che serve questo elefantiaco potere fittizio soggetto ad essere prevaricato, disubbidito da arroganti e violenti despoti, disposti ad ignorare i più elementari diritti della vita.
    A che serve l'ONU, se basta un veto dei cosi detti “grandi” per permettere che i piccoli indifesi vengono divorati ?
    A che serve l'ONU ?
    Eppure sarebbe potuto servire per impedire la scalata verso l'autodistruzione del genere umano di questo pianeta.

    L'amico dell'Homo : Eugenio Siragusa

    http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-c9db42a9-8cbf-4106-a058-48412966d8e4-tg3.html#p=0
    agenda del modo

    VITE D'ARGILLA" Uno speciale di Marcello Greco e Claudio Rubino; montaggio di Guido Tombari In Perù sono almeno tre milioni i bambini impiegati in attività lavorative. “Agenda del mondo” è andata a incontrarli e raccontare le loro storie. Un viaggio nel degrado e nella miseria, dove lo sfruttamento del lavoro minorile è di fatto qualcosa di necessario e irrinunciabile per migliaia di famiglie poverissime, che per sopravvivere non possono fare a meno del contributo dei propri bambini. Bambini costretti a lavorare per diverse ore al giorno in condizioni pericolose e in ambienti insalubri, come le cave d’argilla di Huachipa, periferia est di Lima, dove si producono mattoni.

    OGNI BAMBINO CHE MORIRA' PER L'INCURIA DELL'UOMO, SARA' COME UNA CELLULA DE VOSTRO TESSUTO UMANO CHE PERISCE E INNESTA METASTASI IRREVERSIBILI...!!!


    " DAL CIELO ALLA TERRA
    " TRAMITE EUGENIO SIRAGUSA”

    LA POVERTA' FRUSTATA DALL' OPULENZA DI CHI SI ARROGA IL PERVERSO DIRITTO DI DOMINARE E DI MACERARE LE CARNI DEL PROSSIMO ODIATO E RESO SCHIAVO, VIOLENTATO NEI SUOI PIU' ELEMENTARI ED UMANI DIRITTI. L' ORGOGLIO DI CHI HA MOLTO E L' UMILIAZIONE DI CHI HA POCO O NIENTE. MA LA PROMESSA FATTA E' E RIMANE QUELLA CHE GLI AFFLITTI E I DERELITTI ATTENDONO AFFINCHE' GIUSTIZIA SIA FATTA. I RICCHI AVRANNO LE LORO RICOMPENSE E LA TIGNA DIVORERA' I LORO AVERI. LA LIVELLA DELL' ALTISSIMO SIGNORE VERRA' POSTA SULLA TERRA E I MALVAGI SI NUTRIRANNO DI POLVERE E DI STERCO. VOI CHE SOFFRITE, SPERATE PERCHE' E' VERO CHE LA VOSTRA ATTESA NON VERRA' DELUSA: SARETE TESTIMONI E I VOSTRI CUORI GIOIRANNO PER QUANTO VEDRETE DA QUI A NON MOLTO TEMPO. L' IRA SANTA SI E' SMOSSA E PESANTE SARA' IL SUO GIUDIZIO VERSO COLORO CHE HANNO PREFERITO L' ODIO ALL' AMORE, L'INGIUSTIZIA ALLA GIUSTIZIA, LA GUERRA ALLA PACE. ABBIATE FEDE.

    DAL CIELO ALLA TERRA
    EUGENIO SIRAGUSA
    20 /1 / 1981



    http://www.tg3.rai.it/dl/tg3/Page-2e4c8408-c4ee-4eb3-abdb-86b4cc525b57.html
    Dal Min.15:29 al Min:17:05
    “Gli Indignati”di tutto il mondo

    http://blog.panorama.it/mondo/indignados-di-tutto-il-mondo/
    “Gli Indignati”di tutto il mondo

    …IL PIANETA TERRA E IL SUO ENZIMA UOMO SONO AL COLLASSO…..!!!
    SONO COME UN MALATO ,CHE STA PER ENTRARE IN SALA OPERATORIA
    PER ESSERE SOTTOPOSTO AD UN INTERVENTO CHIRURGICO E VERSA IN
    COMA IRREVERSIBILE…!!!
    LEGGETE....!!!



    PAROLE COME TRAPPOLE

    ...Quando si parlerà molto dell'uomo, sarà il tempo in cui si trascurerà l'uomo. E quando si parlerà tanto di benessere sarà il tempo in cui un malessere sottile serpeggerà tra le genti. Montagne di parole si spenderanno per niente e trappole di parole insidieranno le strade del buonsenso. Molti uomini verranno distrutti dalle pestilenze, molti uomini verranno distrutti dalle armi e moltissimi verranno distrutti dalle aride parole. Perché quando i tempi saranno maturi, l'uomo sarà ricco di lingua ma povero di cuore.

    Rasputin, il monaco santo

    IL FIUME CHE DIVENTA RUSCELLO

    ...La vita è un dono di Dio, ma un giorno diventerà un peso, una maledizione...Cercheranno la morte i ricchi e cercheranno la morte coloro che hanno ancora sulle labbra il latte materno, perché la quercia verrà spaccata in più parti e il fiume verrà diviso. E diventerà ruscello e poi rigagnolo.
    Quando il mio spirito sarà ancora sulla Santa Madre molti fratelli moriranno per spada di fratelli;
    e quando un mio tempo sarà passato, molti uomini moriranno per fuoco e per assenzio. Ma la grande morte sarà la morte della famiglia, che verrà dissanguata, oltraggiata, crocifissa. E sulle sue macerie crescerà la rosa della disperazione.

    Rasputin, il monaco santo.


    La parte migliore dell'umanità è tutta indignata... perché coinvolta dalla parte peggiore e non possono evitare il peggio, se non attraverso un atto di buona volontà che doverebbe unirli e responsabilmente avviarli,verso la risoluzione dei problemi creati da tuti...!!La buona volontà, a sua volta deve essere corroborata dalla piena fermezza, per far risorgere l'uomo e indirizzarlo verso la salvezza del salvabile. Il futuro dipende solo da noi...

    L'IMMORALITA' POLITICA
    Una politica fatta di bustarelle, di raccomandazioni, di privilegi, di corruzione, di tangenti, di scandali, di omertà, di connivenze, di favoritismi, di compromessi e di partigianerie.
    Questa classe politica è da condannare in toto poiché non ha saputo e voluto essere al servizio dell'uomo e delle sue inderogabili esigenze.
    Agitano le spettro della recessione, dell'inflazione, del debito pubblico e sono i primi a garantire la ricchezza a se stessi e a tutti i privilegiati di questa società.
    Sono anni che sentiamo ripetere lo stesso ritornello lagnoso e ipocrita, sono anni che ci promettono le cose che mai manterranno.
    Intanto la vita è divenuta invivibile, la natura è ormai al collasso, l'ingiustizia sociale è garantita dalla disoccupazione in aumento, dai nuovi poveri, dagli emarginati, ecc..
    Tutte le strutture sociali incapaci di rispondere ai bisogni primari del cittadino: la sanità è vergognosa; la giustizia è immorale; i trasporti sono insufficienti; le case non saranno mai un diritto acquisito; il prelievo fiscale penalizza i meno abbienti; lo stanziamento pubblico privilegia gli armamenti e le caste più ricche; i pensionati non possono vivere; la scuola è rimasta ai primordi dell'uomo;il lavoro nero è ormai una regola; la tutela dell'ambiente di lavoro ancor una chimera lontanissima; i ricoveri per anziani non esistono o sono in mano i privati che ne fanno oggetto di speculazione e di “arcipelago gulag”; i diritti dei minori non sono tutelati né garantiti ecc..
    Questa è la realtà per chi ha occhi per vedere ed intelletto per capire, al di là delle puerili messinscene di una classe politica menzognera, falsa ed ipocrita.
    Ciò che ci garantiranno, con certezza, è una vita sempre più ingiusta, incivile e carica di affanni e di tribolazioni.
    Ciò che non ci faranno mai mancare è l'uso e l'abuso di un potere che privilegia solo la classe dominante e i ricchi, i corrotti e i corruttori, i guerrafondai e i cinici, gli egoisti e gli ingiusti, gli arrivisti e gli arrampicatori sociali !
    No, questa classe politica non si può più sopportare poiché ha portato l'uomo a vivere una vita incivile e destinata alla sofferenza, alla disuguaglianza ed all'apocalisse nucleare.
    L'immortalità dei politici è la vera causa della disaffezione di molti verso la politica e verso le elezioni.

    La politica che praticate
    No, amici terrestri!
    La politica che praticate produce esasperazione, odio e quant'altro di negativo, questa, è capace di fermentare. La politica deve essere corroborata dalla Giustizia che vi è stata insegnata: "quella del Vangelo".
    Non vi sia ricchezza e non vi sia povertà. Ripetiamo ancora una volta: Vi sia il necessario per tutti, il superfluo per nessuno.
    Questa è la politica che pratichiamo nei nostri mondi e che ci concede Serenità, Pace, Amore e Fratellanza.
    I nostri progressi spirituali, materiali, morali e scientifici sono frutti che scaturiscono da una politica incorruttibile, carica dei più evoluti concetti dei Valori Universali e corroborata da una Coscienza che travalica ogni senso egoistico.
    Tutto il bene che il nostro lavoro edifica viene messo, con uguale misura, al servizio e a disposizione di tutti, nessuno escluso.
    Le conoscenze della nostra scienza servono, esclusivamente, ad edificare un sano e salutare progresso.
    Le risorse dei nostri mondi vengono sfruttate, ma non depauperate né coercite nel loro vitale processo rigenerativo.
    No, amici terrestri!
    La politica che praticate è deleteria ed il suo terminale altro non produrrà se non il caos.
    Pace.

    Woodok
    Nicolosi, 16 Dicembre 1976 ore 11,20

    Eugenio Siragusa


    PERCHE' SI VIVE

    Vi siete mai chiesti qual'è l'utilità della vostra esistenza nell'economia creativa del pianeta che abitate ?
    Vi siete mai domandati se il vostro operato, così come lo espletate, è gradito o meno a chi vi ha fatto a sua immagine e somiglianza ?
    Dai vostri comportamenti, appare chiaro ed inequivocabile che non vi siete mai posti con genuina coscienza le due domande!
    Certo è che se esistete per disarmonizzare, per distruggere e violentare l'ordine naturale, non avete motivo di esistere.
    Se operate in opposizione ai desiderati della Legge che vi è stata ampiamente illustrata, allora la vostra opera non è gradita.
    Se così è, come io penso, allora occorre un nuovo innesto, un intervento radicale e capace di modificare le strutture portanti di una genetica in fase di totale decadenza.

    Un amico dell'Homo : Eugenio Siragusa
    Nicolosi, 1 Luglio 1987



    PRIVILEGIATI ?

    Non ci sentiamo dei privilegiati.
    Se ubbidiamo all'invito che ci viene rivolto dagli Angeli di ieri, Extraterrestri di oggi è perché sappiamo chi sono e per quale volontà si adoperano affinché non tutti periscano di affanni, sofferenze e miserie morali e spirituali.
    Se speriamo è perché ci siamo imposti di essere incondizionatamente disponibili, e di rinunciare a tutto ciò che debiliti il corpo e la mente che frusta il cuore, la carne e lo spirito.
    Se possediamo la pace e quel necessario equilibrio che ci concede di non essere presi dalla sottile e ingannevole rete del maligno, lo dobbiamo alla rinuncia di tutto ciò che occorre, ammorba e rende infelice e amara l'esistenza.
    L'integrità scaturisce dall'ubbidienza alla Legge di Giustizia, della Pace e del Fraterno Amore; scaturisce anche da chi ci ama, e sappiamo chi è.

    L'amico dell'Homo : Eugenio Siragusa
    Nicolosi, 8 Luglio 1987


    C’è un quadro famoso che rappresenta Gesù in un giardino buio. Con la mano destra bussa ad una porta pesante e robusta. Quando il quadro fu presentato per la prima volta ad una mostra, un visitatore fece notare al pittore un particolare curioso. “Nel suo quadro c’è un errore. La porta è senza maniglia”. “Non è un errore” rispose il pittore. “Quella è la porta del cuore umano. Si apre solo dall’interno”.


    La Foto rappresenta lo stato attuale un cui versa praticamente la nostra società odierna.
    Non mi sono posto se è autentica o meno, ma realtà pratica è sicuramente così



    Ultima modifica di Filippo Bongiovanni il Mer Dic 07, 2011 7:49 am, modificato 1 volta
    avatar
    Filippo Bongiovanni
    Amministratore
    Amministratore

    Messaggi : 114
    Data d'iscrizione : 08.07.11
    Età : 58
    Località : Floridia

    IL Papa: non private i vostri popoli della speranza e L'IMMORALITA' POLITICA

    Messaggio  Filippo Bongiovanni il Mar Dic 06, 2011 6:30 pm

    Marco e Stefania sono di Gubbio, la loro famigliola la conobbi attraverso una manifestazione che feci da quelle parti una ventina di anni fa, altri tempi e i figlioli erano piccoli. Mi hanno ritrovato attraverso il social network, e hanno letto la precedente nota sull'immoralità politica e l'invito alle false speranze rilasciate dai Capi Religiosi.
    Mi hanno chiesto:..."Dato la grande crisi economica in cui che versa il nostro paese,ma perché non tassano con l'I.C.I anche i beni di proprietà delle istituzioni religiose, le istituzioni del nostro paese, così gli permetterebbero di dare l'esempio"...!?
    Ho risposto così:

    APRITE GLI OCCHI...!!!

    DALLA STAMPA NAZIONALE:
    RICICLAGGIO. SEQUESTRATI 23 MILIONI DI EURO ALLA BANCA VATICANA
    INDAGATI I VERTICI “IOR”
    LA GRANDE MERETRICE CHE RISIEDE SUI SETTE COLLI… BABILONIA LA GRANDE DELLE ABOMINAZIONI DELLA TERRA…
    Apocalisse cap.17 e 18
    Geremia cap.50 e 51
    Isaia cap.13 e 14.

    Il messaggio di Fatima è sempre più attuale e in piena fase di realizzazione nel suo contenuto...!?

    APRITE GLI OCCHI…!!!

    Dopo lo scandalo PEDOFILIA e i vari SINISTRI AFFARI che La coinvolgono in TRAFFICI che rendono anche LEI colpevole di TOGLIERE il NECESSARIO AI MOLTI E DARE IL SUPERFLUO AI POCHI è sempre più evidente che questa ISTITUZIONE è divenuta uno SCANDALO VIVENTE E PERMANENTE che allontana sempre di più le anime dalla LUCE della REDENZIONE e dalla SALVEZZA….Essa non è meno di quella che lo crocifisse,anzi è peggio, perché questa si professa CREDENTE, INTERPRETE DEI SUOI INSEGNAMENTI e SUA RAPPRESENTANTE IN TERRA…..!!!
    Il segreto di Fatima, contenente ogni sorta di CATACLISMI e DISASTRI, è stato volutamente occultato….!!! Tra questi, il caos UNIVERSALE, la confusione e la perdita della FEDE che tengono avvinta la CHIESA CATTOLICA ROMANA….!!!
    In un’intervista del nov.1984, l’allora Cardinale RATZINGER(del SANT’UFFIZIO) confermò di aver letto il segreto con il permesso di GIOVANNI PAOLO II, e che esso riguarda, secondo le sue parole, “UN RADICALE RICHIAMO ALLA CONVERSIONE, L’ASSOLUTA GRAVITA’ DELLA STORIA, I PERICOLI CHE MINACCIANO LA FEDE E LA VITA DI UN CRISTIANO E QUINDI DEL MONDO. IL TERZO SEGRETO, NEL SUO CONTENUTO, CORRISPONDE A CIO’ CHE E’ STATO ANNUNCIATO NELLE SCRITTURE ED E’ CONFERMATO DA MOLTRE ALTRE APPARIZIONI MARIANE.”

    IL DEMONIO E’ RIUSCITO A PORTARE IL MALE(NELLA CHIESA) SOTTO FORMA DI BENE E I CIECHI STANNO COMINCIANDO A GUIDARE GLI ALTRI.

    Il terzo Segreto è un grave avvertimento di APOSTASIA all’interno della Chiesa Cattolica e un’ accusa a coloro che nella gerarchia ecclesiastica hanno favorito il dissenso ed eresie dichiarate.
    In molti paesi del mondo, la fede è perduta. Le guide all’interno della chiesa falliscono inesorabilmente e con irreversibile gravità nei doveri del LORO ministero. Per LORO colpa, molte anime sono state e stanno per essere travolte da errori che si diffondono in ogni luogo. E’ in atto una luciferina metodologia disorientativa che ha portato lo stesso Satana ad essere saldamente introdotto, molto probabilmente, nel SUO più alto Vertice. Ha accecato le LORO menti e indurito i LORO cuori. Per tutto questo e per molto altro ancora è stata emessa la sentenza nel Giudizio Finale che proviene dalla MANO dell’IRA dell’ETERNO.


    COSI' SCRISSI QUALCHE MESE FA'...E ADESSO....LEGGETE ATTENTAMENTE.....E...RIAPRITE GLI OCCHI.....!!!Ecco quanto è stato stimato, ed io riporto per dovizia di cronaca. Non c'era in vigore l'Euro...

    Oro come denaro. Oro come proprietà immobiliare e territoriale. Oro come fasto di opere d’arte. Oro come proprietà del Vaticano che costituiscono un vero e proprio tesoro; “L’Oro del Vaticano“,l’incredibile ricchezza della Chiesa di Roma, talmente incredibile da non poter essere quantificata con precisione.
    Allontanatosi dallo spirito apostolico di povertà,(ERA QUESTA LA RIFORMA CHE AVREBBE VOLUTO ATTUARE PAPA GIOVANNI PAOLO I...!? FARE AVVICINARE LA CHIESA ALLO SPIRITO DI POVERTA'...!? Pagando con un l'alto prezzo...!?) Il clero cattolico ha saputo nei secoli accumulare, amministrare e accrescere il proprio capitale economico/finanziario, spesso con metodi poco edificanti.la Chiesa di Roma possiede e sfrutta: gli istituti finanziari del Vaticano, lo IOR, l’obolo di San Pietro, le offerte, il mercimonio dei matrimoni/funerali, le ricchezze della CEI, dell’OPUS DEI e i numerosi immobili (molti di valore storico/artistico) sparsi per il mondo. Tutte queste attività fanno del Papato la più grande multinazionale al mondo.
    Ciò che ne risulta appare ancor più incredibile del tesoro che la Chiesa possiede: la Banca Vaticana (Istituto Opere Religiose IOR) non è soggetta ad alcune legge Comunitaria, agisce come Banca privata che investe le sue ricchezze e lucra su di esse (si pensi agli scandali antichi e moderni dello IOR) con il solo fine del guadagno. La spregiudicatezza di questo atteggiamento ha portato a paradossi assurdi, come la concessione a Enrico De Pedis (membro della “Banda della Magliana”) di una sepoltura personale nella basilica di Sant’Apollinare, con tanto di messa solenne dove il defunto viene ricordato come un generoso donatore e sostenitore finanziario della Santa Sede.
    Uscendo dal più complesso contesto finanziario, come anche la vendita di souvenir od il turismo culturale e religioso siano gestiti con oculate strategie di Marketing basate più sul calcolo del profitto commerciale, che su valori più autenticamente religiosi quali ospitalità, accoglienza e rispetto dei luoghi sacri (inevitabile il ricordo evangelico di Gesù che caccia i mercanti dal Tempio). A tutto questo bisogna aggiungere tutti i benefici di cui gode lo Stato Vaticano nei confronti dello Stato Italiano: esenzione totale dalle tasse, utilizzo dei servizi nazionali, sostentamento finanziario tramite l’8 per mille del gettito delle tasse dei cittadini italiani.
    Un dipinto freddo, senza coloriture narrative o giudizi personali, sullo stato attuale delle casse vaticane; solo la nuda e cruda verità sulla maggior holding al mondo, ricca, ricchissima e circondata da un paese sempre più povero di mezzi e di idee.

    Palazzi in nome di Dio

    Le proprietà immobiliari del Vaticano a Roma città sfiorano i 160.000 miliardi
    a Roma( La stima allora fu fatta in lire e ora in Euro a quanto ammonterebbe e con la rivalutazione...!?) Affinché chiunque, da turista o nell'Urbe per caso, abbia modo di rendersene conto dato che in ogni via e piazza di questa città circa un numero civico su tre apre su una costruzione di proprietà della Santa Sede, ora elencherò la micidiale sequenza di diciture "notarili" presenti nei rogiti, e molto spesso anche apposte su targhe collocate con cura dal Vaticano sulle facciate delle sue proprietà. Quando è stato il momento di definire "chi" materialmente dovesse possedere uno ad uno i pezzi di questo immenso tesoro edilizio, il Vaticano è ricorso ai seguenti "raggruppamenti" di entità ecclesiastiche e religiose: «Aspiranti, titoli cardinalizi, parrocchie, caritas, apostolica Santa Sede, provincie, commissariati, segretariati, conventi, istituti, monasteri, congregazioni, collegi e collegiate, case sante, generalizie provinciali, religiose e di procura, oratori, seminari, studentati, basiliche e arcibasiliche, compagnie, opus, domus, pie società, pie case, atenei, università, istituti e seminari pontifici, pellegrinaggi, curie vescovili, vescovadi, episcopati, diocesi, arcidiocesi, asili, capitoli, comitati, conferenze episcopali, curàti, comunità, ordini, chiese, curie generalizie, stabilimenti, sodalizi, apostolati, conservatori, confraternite e arciconfraternite, postulazioni generali, procure generali, rettorìe, nunziature e segnature apostoliche». Ecco, ognuna di queste diciture rappresenta una "famiglia" di proprietari immobiliari a cui fanno capo - singolarmente - da 10 a 400 e più immobili. A cotanto esercito di ricchissime entità "religiose-finanziarie", si aggiungono inoltre due altri grandi gruppi: gli ordini delle suore e dei frati.Partiamo dalle prime. Anche qui, per ragioni di spazio, elencherò solo le diciture che qualificano i sotto-gruppi di suore: «Adoratrici, amanti, ancelle, apostole, ausiliatrici, bigie, bianche, canonichesse, catechiste, crocifisse, clarisse, dame apostoliche, donne, diaconesse, insegnanti, infermiere, figlie, mantellate, maestre, mercedarie, minime, ministre, misericordìne, missionarie, monache, oblate, nobili oblate, ospitaliere, passioniste, piccole apostole, piccole suore, piccole sorelle, piccole ancelle, piccole figlie, piccole discepole, piccole serve, operaie, "povere" (alla faccia...), predilette, rosarie, riparatrici, sacramentine, serve, stigmatine, terziarie, trinitarie, visitatrici, signorine operaie e vocazioniste». A ciascuna di queste "famiglie" di ordini di suore fanno capo, nel Comune di Roma, dai 10 a 300 immobili. Il totale degli ordini religiosi femminili proprietari di palazzi e terreni in Roma città è di 325.Veniamo ora ai frati, le cui "famiglie" sono riassunte da queste diciture: «Padri, sacerdoti, servi, missionari, terziari, fratelli, figli, legionari, abati, arcipreti, minimi, scalzi, bigi, regolari, chierici, diaconi, reverendi, priori, minori, canonici, ospitalieri, trinitari e riformati».Anche in questo caso, a ognuna delle "famiglie" di ordini religiosi maschili fanno capo dalle 20 alle 500 unità immobiliari. Il totale degli ordini religiosi maschili è di 87. Ora passiamo a descrivere - territorialmente - dove è dislocato questo gigantesco tesoro. Innanzitutto è bene precisare che il Vaticano, a Roma, ha compiuto delle scelte preferenziali negli acquisti: niente periferie malmesse e oscure, per carità! Lì le case le comprano i poveracci, il popolo. Viceversa la Santa Sede Spa ha gusti assai migliori in fatto di acquisizioni. Partiamo dal centro storico, con una piccola premessa: per capire - in soldoni - quanto vale il patrimonio edilizio della Santa Sede Spa nella città di Roma, mi sono basato sulle stime di una notissima società che opera a livello nazionale nel settore delle compravendite da più di 40 anni. Ebbene, i valori commerciali che mi sono stati dati per quest'area ora in esame parlano di prezzi variabili da 7 a 25 milioni a metro quadro, più alcune unità immobiliari considerate "inestimabili" con questo criterio, cedibili quindi unicamente "a corpo" a prezzi molto superiori ai massimi di mercato per le vendite "a misura". Detto questo, partiamo per una "gita" (illustrata dalla grafica in pagina) fra i tesori edilizi della Santa Sede Spa. Dicevo poc'anzi che siamo nel centro storico. Tutta l'area che va da Campo dei Fiori fino al Tevere di fronte a Castel Sant'Angelo, passando per piazza Navona e vie adiacenti, praticamente è posseduta per intero dal Vaticano. Più o meno si tratta di poco meno della metà del centro storico dell'Urbe. Il valore? Immenso. Nessuno l'ha mai stimato con precisione, ma è sufficientemente attendibile una cifra oscillante fra i 50.000 e i 65.000 miliardi. Si tratta di più di 2.500 palazzi. Andiamo avanti. Ora siamo nella cintura confinante il Tevere. Passato il fiume e usciti quindi dal cuore della capitale, le proprietà ecclesiastiche si ramificano. Una parte va verso il Vaticano (tutti i palazzi attorno al quale sono della Santa Sede Spa), poi su al colle del Gianicolo e quindi giù fino a Trastevere per risalire verso la via Aurelia dove - finalmente siamo in periferia - molti dei terreni edificabili attorno a questa arteria stradale sono stati acquistati o donati alla Santa Sede Spa. Anche per questo immenso lotto edilizio, la stima - con valori al metro quadro oscillanti fra i 4 e 6 milioni - è molto difficile, quasi impossibile data la vastità. Tuttavia, rimanendo ai soli palazzi il cui numero è ampiamente superiore ai 2.000 e con un'approssimazione di valore tra i 15 e gli 20 miliardi cadauno, un dato globale di 30.000-40.000 miliardi non è lontano dalla realtà. Certo non appare sbagliato per eccesso. Quanto alle aree edificabili, il calcolo è ancora più complicato. Troppe variabili. Stimarle nel loro complesso - le aree supererebbero i 4 milioni di metri quadrati - è un conto che lascio in bianco. Naturalmente gli immobili della Chiesa a Roma uno finiscono qui. Sempre fuori dal centro storico, le proprietà costellano - bombardano - il quartiere Prati e dilagano nelle zone di Santa Maria Maggiore e di San Giovanni. Inoltre tutta la zona che va dalla fine di via Nazionale fino al Colosseo è patrimonio esclusivo - tranne rare eccezioni - della Santa Sede Spa. Anche dove finisce la zona della Stazione Termini, inizia un'altra grande fetta della città di proprietà del Vaticano: da via Merulana a via Manzoni, da piazza Dante a via Emanuele Filiberto, da Santa Croce in Gerusalemme fino a piazza San Giovanni in Laterano, interi isolati sono di proprietà della Santa Sede Spa. Per darvi un'idea della vastità di queste aree nel loro insieme, basti dire che vi abitano non meno di un milione di persone. Per questo ulteriore blocco immaginare un valore tra i 25.000 e i 35.000 miliardi non è una follia, anzi.Ora veniamo ai cosiddetti "beni inestimabili" il cui prezzo non è espresso a metro quadro. Vaste proprietà del Vaticano punteggiano via Condotti, piazza di Spagna, piazza della Pigna, via Sant'Andrea delle Fratte e San Bastianello. Per un solo appartamento che si affacci su piazza di Spagna c'è chi è capace di spendere anche 20 miliardi. Non dico altro.Quindi, qual è la stima complessiva dei beni immobili della Chiesa a Roma? Esclusi i terreni e le proprietà "preziosissime", la cifra globale sta nell'intervallo fra 105.000 e i 140.000 miliardi. Se a questi aggiungiamo - stimandoli in blocco 20.000 miliardi - i rimanenti "bocconi d'oro", si arriva agevolmente a 160.000 miliardi. Si badi bene, inoltre, che molte delle proprietà sono conventi o palazzi occupati da pochi religiosi. Se venissero venduti ristrutturati in esclusive unità abitative (cosa che il Vaticano ha già fatto in un caso eclatante del quale in seguito leggerete), il valore globale potrebbe quintuplicare, anche decuplicare, con cifre alla fine da vero capogiro. Ma non è tutto, addirittura si potrebbe dire che il "meglio" deve ancora arrivare. Eccolo.La stragrande maggioranza di questo fantastico patrimonio gode di regimi fiscali per i quali la Santa Sede Spa non deve scucire neppure una lira di tasse. Infatti, come ben si sa, il Vaticano è uno Stato estero rispetto l'Italia, e sia i Patti Lateranensi di fascista memoria sia il più recente "aggiustamento" voluto da Craxi negli anni Ottanta ne hanno salvaguardato la più totale autonomia. Per conseguenza di moltissimi beni immobili della Santa Sede Spa non c'è traccia al catasto in quanto ritenuti territorio di un altro Stato. È il caso, uno delle migliaia, dei beni immobili riconducibili alla Basilica di Sant Apollinare nella centralissima piazza delle Cinque Lune, basilica ove tuttora "riposa" la salma di Enrico De Pedis, uno dei più spietati gangster della banda della Magliana la cui sepoltura in "preziosissima" terra sacra venne autorizzata personalmente e per iscritto dal cardinale vicario di Roma Ugo Poletti, degno compare quindi del boss, ma anche n°2 - dopo il Pontefice - della Chiesa nella capitale d'Italia. Per altri beni immobili invece, considerati a tutti gli effetti "religiosi", la Santa Sede Spa ha compiuto repentine quanto lucrosissime speculazioni edilizie, come accennavo prima. È il caso di ciò che è accaduto al liceo cattolico Pio XII dell'Assunzione, ritenuto da tempo immemorabile uno dei più prestigiosi di Roma. Ebbene, nemmeno un anno fa - poco prima dell'apertura della scuola - tutti gli insegnanti sono stati licenziati e l'istituto ha chiuso i battenti. I frati missionari spagnoli dell'Intendes che gestivano il plesso hanno tentato di giustificare la decisione sostenendo un calo vistoso delle iscrizioni (a pagamento). Non era vero, e i primi a smentirli sono stati gli stessi docenti rimasti in mezzo a una strada. Da notare che gli stipendi del corpo insegnante venivano pagati regolarmente dalla Santa Sede Spa. L'ormai ex liceo tuttavia non è rimasto deserto e abbandonato. Fervono i lavori per la sua trasformazione in un lussuoso albergo che con ogni probabilità sarà già operativo per l'apertura del Giubileo del Duemila. Un hotel, a ben guardare, rende molto di più di una banalissima scuola.D'altra parte, già negli anni Sessanta un pericolosissimo banchiere di Cosa Nostra, Michele Sindona, si operò per "mettere al sicuro" molti beni immobili della Santa Sede Spa intestandoli a opportune società domiciliate in paradisi fiscali del riciclaggio mondiale. Oggi, anno 1998, sono cambiati i personaggi, ma lo stile criminale di condurre operazioni spregiudicate ben oltre il limite della legalità non ha abbandonato i vertici del Vaticano. Basta per tutti ricordare il caso dei 110 miliardi di titoli di Stato italiani "scomparsi" durante l'affaire Enimont (erano la parte sostanziale della maxi-tangente) oltre le mura della Santa Sede ben dentro i forzieri dello Ior. Se fosse stato, lo Ior, un qualsiasi altro istituto di credito i suoi massimi dirigenti sarebbero finiti in galera per ricettazione, riciclaggio, associazione a delinquere, truffa allo Stato. Invece Papa Wojtyla può dormire sonni tranquilli, nessuno verrà mai a cercare i suoi soci della Santa Sede Spa. Così come nessuno - a parte noi della Padania - ha più trovato la forza di scrivere di questo argomento dal 7 gennaio 1977, quando l'Europeo pubblicò la prima puntata di una dettagliatissima inchiesta titolata «Vaticano Spa». Alla seconda, il direttore della testata, Gianluigi Melega, venne licenziato in tronco, con buona pace dei mercanti vaticani, Dio li stramaledica. Ma davvero.

    DAL CIELO ALLA TERRA

    IL MESSAGGIO DI FATIMA VOLUTAMENTE OCCULTATO
    LE POTENZE CELESTI AMMONISCONO AI CAPI DI STATO DI TUTTI I POPOLI DEL PIANETA TERRA, AI MEZZI DI COMUNICAZIONE DI TUTTI GLI STATI DEL MONDO:E' ESTREMAMENTE UTILE E IMPORTANTE, OGGI PIU' CHE MAI, DARVI CONOSCENZA DI QUANTO è STATO DETTO AL FINE DI PORRE QUESTA GENERAZIONE IN GUARDIA PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI.IL MESSAGGIO DI FATIMA, ANCORA TENUTO NASCOSTO, E' IN PROCINTO DI REALIZZARSI CON LE CONSEGUENZE IN ESSO CONTENUTE E QUI ALLEGATE.NESSUNO POTRA' DIRE “NON SAPEVO!”.
    RIMANE ANCORA UNA TENUE SPERANZA PER EVITARE IL SEVERO GIUDIZIO DI COLUI CHE CHIAMATE DIO.
    SIATE SOLLECITI A RAVVEDERVI E A METTERE LE COSE AL LORO GIUSTO POSTO CON LO SPIRITO DI GIUSTIZIA CHE I GENI COSMICI HANNO PORTATO SULLA TERRA.
    LEGGETE, MEDITATE, DEDUCETE E DETERMINATE SECONDO LA SUPREMA VOLONTA' DEL COSMICO AMORE.

    DAL CIELO ALLA TERRA
    EUGENIO SIRAGUSA
    Nicolosi, 27 settembre 1991


    DAL CIELO ALLA TERRA

    Ora saranno le Potenze Celesti a dare avallo e testimonianza all'opera nostra !
    E' vero !
    Una generazione destinata a perire con la complicità di tutti coloro che avrebbero dovuto innalzare il vessillo della Divina Giustizia del Creatore. Una generazione drogata fisicamente e psichicamente con il benestare di tutte le Chiese incapaci di suscitare il timore di Dio, timorosi di dire tutta la verità sui celesti segni. Una generazione in mano alle guide cieche, partigiane del Principe di questo mondo Lucifero e della su legione. Se Satana è stato tanto abile a trascinare gran parte dell'umanità negli oscuri ed immondi meandri degenerativi della natura materiale, Lucifero non è stato di meno nell'adombrare la luce dello spirito di quanti si sono resi servizievoli ai suoi desiderati.
    La grande battaglia è al suo epilogo e prossimi i giorni del Giudizio Divino. Noi rimaniamo in attesa che le Celesti Potenze abbiano presto a manifestarsi per dire :
    BASTA ! Tutto si è compiuto ! Il salvabile venga salvato !

    Eugenio Siragusa
    Giugno 1989


    http://solexmalidiomauniversale.blogspot.com/p/il-messaggio-di-fatimaportogalloe-la.html
    http://www.eugeniosiragusa.it/fatima.html



      La data/ora di oggi è Gio Gen 17, 2019 4:40 am